Quinto posto a Monza per Piccini-Schiavoni nella gara di casa della Michelin Le Mans Cup

Sabato amaro per Andrea Piccini nel secondo appuntamento stagionale con la Michelin Le Mans Cup sul circuito di Monza. Il pilota di Sansepolcro e il compagno di vettura Claudio Schiavoni sulla Ferrari 488 GT3 del team Kessel Racing escono con un quinto posto al termine di una gara movimentata. Partito con il quinto tempo di qualificazione, Schiavoni è riuscito a mantenersi sempre a ridosso del terzo e del quarto posto, con ottimo passo gara. Al momento del cambio pilota, i problemi sopraggiunti alla Ferrari di Ulrich e Mediani hanno permesso ad Andrea Piccini di iniziare il proprio stint guadagnando subito una posizione e con un gap di pochi secondi dalla Porsche di Alessandro Baccani in terza posizione; Piccini ha iniziato a spingere sin dalle prime curve per colmare questo ritardo, ma prima il contatto fra due prototipi della categoria LMP3 e poi la neutralizzazione della “full course yellow” hanno consentito alla Porsche di portare il vantaggio oltre i 20 secondi. A quel punto, Piccini ha iniziato a spingere ulteriormente sull’acceleratore arrivando a soli 3” dalla Porsche quando mancavano a 4 giri alla fine. Nel tentativo di completare l’inseguimento, però, Andrea Piccini finiva però con l’ostacolare un prototipo della Lmp3, rimediando un “drive through”. Uscito dai box, a tre giri dall’epilogo, ha notato la Ferrari di Maurizio Mediani subito davanti e si è messo al suo inseguimento, riuscendo ad affiancarla ripetutamente nel corso dell’ultimo giro. Mediani ha continuato a chiudere con decisione la traiettoria fino a urtare Piccini all’uscita dalla Roggia e a spingerlo sull’erba. La manovra è stata ritenuta scorretta dai commissari, che però hanno comminato una penalità con diffida per le prossime due gare. L’esito di quella di Monza non cambia, quindi, ma Mediani rimane sotto osservazione per i prossimi appuntamenti. È andata decisamente meglio a Giacomo Piccini, fratello di Andrea, che ha conquistato la vittoria in coppia con Sergio Pianezzola, sempre con la Ferrari 488 GT3 e sempre per il team Kessel Racing. La loro vettura è partita in testa e ha conservato fino in fondo la leadership; come dire, insomma, che sotto questo profilo non vi è stata storia e così Giacomo Piccini e Sergio Pianezzola guidano la classifica a punteggio pieno. “E’ un vero peccato non essere riusciti a conseguire un meritatissimo terzo posto – ha commentato Andrea Piccini – Una gara condizionata dalle decisioni prese nel finale perché siamo stati fra i più veloci per tutto il week-end e una posizione da podio sarebbe stata la giusta ricompensa per il bel lavoro svolto da tutto il team. Prima la Porsche ha approfittato della situazione di “full course yellow” per guadagnare quasi 8 secondi, poi la penalità e infine la scorrettezza non punita di Mediani. Capitolo chiuso: guardiamo avanti e siamo già concentrati sul prossimo appuntamento, che andrà in scena sulla meravigliosa pista di Le Mans”. Da ricordare al proposito le date: venerdì 15 e sabato 16 giugno.

Ancora nessun commento.

Aggiungi il tuo commento